RIGVEDA

Blog

Ayurvedic Recipes: Sensational Summer Salad to the Rescue!

Summer is here, and you may be experiencing extreme temperatures and the imbalances that accompany the high heat. One of the most effective ways to regulate body temperature and bring one’s self back into balance is through diet.

Pitta is that which is governed, mainly, by the fire element, and responds well to sweet, astringent, and bitter tastes to bring it back into balance when overheated. Therefore, it would stand to reason that the hot summer is pitta season. We want to be careful not to add too much heat to this already fiery time of the year! Choosing the appropriate seasonal foods will help pacify pitta’s predilection for pyrogenic tendencies. 

This light salad is a great way to honor your body’s nutritional needs without feeling too weighed down in the heat. See how the seasonal and light nature of this salad provides a tantalizing, tasty, and nutritionally balanced meal as each of the ingredients pave the way for pitta pacification.

Broccoli, bell peppers: These cruciferous vegetables honor pitta’s need for cooling, sweet and astringent flavors.
Avocado: The avocado is a sweet, wonderful fat that does not provoke pitta’s heating quality and encourages healthy bile flow.
Sunflower seeds and almonds: You may find that nuts and seeds can be heating but, in this case, sunflower seeds are pitta’s pals and the skin removed from the almond, make it an ally as well. Both provide a powerful protein punch.
Coconut: The coconut is sweet and cooling. It also possesses unctuous qualities to counteract drying effects that can accompany too much heat.
Dandelion: Dandelion greens scream bitter as they cool and detoxify. They have an affinity for the liver which can suffer ill effects from over heating.
Cumin, coriander, fennel, cilantro: Spices, surely, are medicine and these 3 Musketeers come to the rescue every time! They possess febrifuge (fever reducing), diaphoretic (sweat inducing which is cooling), digestive, and alternative (aids in healing) abilities.
Lime juice: Lime is a great way to impart the salty flavor without the heating qualities of salt. 

Broccoli-Dandelion-Avocado Salad

  • 2 cups chopped & steamed broccoli
  • 1 cup (or more, if you want a bitter-tasting salad) lightly steamed dandelion greens
  • 1 ripe avocado, peeled and diced
  • 3/4 cup steamed, chopped bell peppers – yellow, red, or orange
  • 1/2 cup toasted sunflower seeds
  • 2 tbs shredded coconut
  • 1/4 to 1/2 tsp each of ground cumin, coriander, and fennel

Directions

In a large mixing bowl, mix together all ingredients except the avocado and cilantro almond sauce. Gently stir in the sauce and toss in the avocado.

 *You can eat this salad raw if you feel no deleterious effects to your digestion.
*If you’re looking to bulk up this meal, add some white basmati rice, but be sure to cook the vegetables!

Fresh Cilantro and Almond Sauce

If your agni (digestive fire) is up to the task of digesting raw veggies, this sauce could double as a dip for crudite as well. Otherwise, it dresses cooked vegetables very nicely.

  • 1/2 cup almonds, soaked overnight and peeled
  • 1/2 cup water
  • 1/2 bunch fresh cilantro, or more, to taste
  • 1/4 cup lime juice
  • 2 tbs. good quality extra virgin olive oil
  • Pinch of mineral salt
  • Black pepper to taste

Directions

Puree all ingredients in a blender or food processor. Add more water, if necessary, for desired consistency. The sauce can be stored in the fridge for up to 48 hours. https://artoflivingretreatcenter.org/blog/ayurvedic-recipes-summer-salad/

Walking the Path: Why Ayurveda?

Shirodhara: Ayurveda’s Bliss Therapy

After practicing Western medicine (Allopathy) for 25 years, I became disappointed with many aspects of the culture surrounding it – namely, the lack of emphasis on prevention, and the over reliance on prescription drugs.

At the time, I wasn’t aware of the system of optimal health from India that is all about prevention. It’s a system that uses natural herbs instead of synthetics, a system that incorporates yoga for healing the body and mind. It’s called Ayurveda, or “the knowledge of life.”

Over the next few years, I discovered the ways in which Ayurveda can be a more effective approach to health, especially when it comes to treating mental unrest like anxiety and stress. Much disease can be prevented as patients learn how to de-stress.  The ultimate goal of Ayurveda is a healthy physical body, a calm (sattvic) mind, and a heart connection with Spirit.

Allopathy vs Ayurveda

Both Ayurveda and Allopathy (traditional Western medicine) have their place in health and healing. “Allo” means opposite, and “pathy” means disease. In allopathy, pharmaceutical drugs are prescribed that have opposite effects to the symptoms. Sometimes, allopathy can be life-saving. Examples include the epi-pen (epinephrine injection) for a life-threatening bee sting allergy (anaphylaxis), and antidotes, like Narcan, for opiate overdose.

However, Allopathy has its shortcomings. It often treats symptoms more than it cures disease. Antidepressants like Zoloft are prescribed for depression, and Xanax for anxiety. While they may relieve symptoms, they do not offer a cure.

Unfortunately, these synthetic drugs come with long lists of side effects, and can actually affect brain chemistry. Prozac was given a black-box warning by the FDA, the strongest caution given before a drug is yanked from the shelf. Why? Prozac made some suicidal patients worse, especially those in the 18-25 year old age group.

Dr. Deepak Chopra put it bluntly: “I think it was just the fact that there is a lot of frustration when all you do is prescribe medication, you start to feel like a legalized drug pusher. That doesn’t mean that all prescriptions are useless, but it is true that 80 percent of all drugs prescribed today are of optional or marginal benefit.”

Why Ayurveda? Treat Root Causes, Not Symptoms

Ayurveda is, in many ways, opposite to the Western approach. According to Ayurvedic master Dr. David Frawley, deep seated anxieties must be be pulled out by their roots. Both Ayurveda and Yoga do so with yogic breath practices and the practice of mantra. These practices are yoga for your mind. Pranayama and mantra are at the core of the Happiness Program and Sahaj Samadhi Meditation, taught at the Art of Living Retreat Center.

All About Prevention

One answer to “Why Ayurveda” is its emphasis on prevention, or Sva-stha-vrit-ta.

Svasthavritta means “the protocols by which one can remain healthy.”

So much disease (heart attack, stroke, cancer) could be prevented by awareness of these Ayurvedic protocols:

  • Treat organic fruits and veggies as medicine. You will be prescribed specific foods and healing spices based on your body-mind type, or dosha.
  • Develop a healthy exercise pattern like Yoga or Tai Chi.
  • Learn how to de-stress with mantra and pranayama (breath practices).
  • Learn the principles of Ayurvedic detox. Put no junk food in your body and no junk food in your mind. Try an Ayurvedic cleanse with superfoods like kitchadi.

Connection With Spirit

Another thing I love about Ayurveda is how it addresses our connection to Spirit. Allopathy seems dry in comparison to the holistic healing traditions of the East, that are steeped in prayer and meditation.

Connection with Spirit is essential for complete health. Treating the body-mind without addressing Spirit leaves us dry, and often unhappy. Connection with Spirit helps us to realize our place in the Universe beyond time and space.

Of course, a spiritual path is a deeply personal decision. Dr. David Frawley tells us that spirituality is a big tent. He wrote that the Divine can be looked upon as a father, a mother, a brother or a friend or as Nature, a saint, or the one divinity within us all: the higher Self.

In Your Hands

Take charge of your health today. Don’t wait until something breaks. See an Ayurvedic practitioner and discover your dosha (body-mind type). You will be then be prescribed a lifetime of better health: Svasthavritta — Ayurvedic essentials for staying healthy: right food, right exercise, right herbs, right sleep and right actions. Don’t forget: many Ayurvedic treatments are also fun. Steam bath therapy sweats away toxins. Shirodhara (bliss oil therapy) can calm the mind and expand the awareness. Abhyanga, healing massage with medicated oils, can work wonders. For more info, contact the AOLRC Spa.

No Quick Fix

Ayurveda is not about the “quick fix” or taking pills. Ayurveda is about discovering the root causes of disease, then treating it. Root causes may be related to a toxic diet, a dysfunctional relationship, stress at work, or repetitive thoughts. Yoga, Ayurveda and a contemplative lifestyle, including self-inquiry, are the keys to success. Choose Ayurveda to stay healthy and prevent illness. Choose Allopathy when it can be of benefit. These two approaches can be complementary, and not mutually exclusive https://artoflivingretreatcenter.org/blog/why-ayurveda/

Discover the gift – Scoprire il Dono

Il dono della vita, il dono dell’intelligenza, avere un gran cuore o tutto questo insieme. Lo so che alcune di voi non ne possono più di smancerie e dolcezze e lo dico proprio io che dal 15 dicembre al 09 gennaio per amici e parenti sono la Grinch (chissà perchè mi sono beccata ‘sto soprannome bah!)….. comunque è vero che più ci corazziamo di Grrrrr e più nel nostro profondo (a volte sprofondo) non siamo così insensibili a certi sentimenti, anzi magari ci piacerebbe un bell’abbraccio, gratuito e senza secondi fini, accc sto perdendo il filo del discorso, ah si, vita, intelligenza e cuore, bene, in una delle prime lezioni all’Istituto Samantabhadra a Roma si studiava proprio l’importanza di una rinascita umana, di quanto sia difficile realizzarla, con le sue otto libertà ed i suoi dieci attributi, quanto sia difficile che si verifichino tutte queste condizioni e questo l’ho compreso di più nella pratica, in India, grazie a persone come Dhelù, il sorridente ragazzo che ci ha servito i pasti per i dieci giorni di permanenza a Jaipur. Ragazzo semplice, scalzo, ogni giorno lo stesso vestito, una t-shirt bordeaux a maniche corte ed un pantalone grigio scuro. Dhelù non parlava inglese, si limitiva a sorridere ed a ringraziare, non poteva essere aiutato nei suoi compiti, perchè di una casta inferiore.

 Dormiva in un piccolo spazio, sul tetto della casa, senza nessuna pretesa, ma sempre disponibile e sorridente. Lui non ha avuto le nostre fortune, ma ha una libertà mentale che, a differenza di noi, non lo sottomette al mero consumismo. Lo guardo e penso beato lui, poi mi rendo conto che molti di noi non riuscirebbero a vivere in quelle condizioni, lui le accetta con una rassegnazione positiva “questa è la mia vita e l’accetto” senza farsi sconfiggere dalla depressione o dall’insoddisfazione. Sono partita ed ho lasciato a Dhelù 500 rupie, neanche dieci euro per me ma per loro un terzo dello stipendio mensile, per quanto possibile il suo sorriso si spalanca di più e risplende, così come io suoi occhi marroni, lucidi, mani giunte a ringraziare, un attimo senza fine. Bello per me quanto per lui. Ripensavo a questa storia perchè al mio rientro ricevetti via mail dal Giardino dei libri la pubblicità di questo film “Discover the Gift“, nè guardai il trailer e mi chiesi “ma qual’è il vero dono”, quello che non chiede nulla in cambio, quello che magari non costa nulla, come un sorriso, o noi stessi, la nostra stessa esistenza, che non è detto sia così facile riottenere. Se credete al Karma pensate che se oggi siete quì, con tutte le vostre facoltà intatte, in un paese libero e con grandi potenzialità è perchè nella vostra vita precedente ve lo siete meritato, ora non sprecate questo dono e cercate di meritarvi il prossimo giro!

Eat right for your dosha type: i legumi!

Scusate questa incursione da Accademia della Crusca in versione indoculinaria ma girando in rete per cercare una ricetta per cucinare l’Urad Dal e mi sono imbattuta in una discreta confusione circa i legumi indiani e quindi vorrei dedicare due righe alla spiegazione di base di alcune tipologie. 

Anzitutto la parola Dal (Dhal o Daal), significa diviso/spezzato ed indica il metodo di lavorazione ovvero tutti i legumi vengono spezzati e privati o meno della pellicola esterna. Aggiungo, prima di passare ad un mini elenco riassuntivo, che, contrariamente a quanto molti pensano o scrivono: il Moong (o Mung) non è una lenticchia!!

Channa Dal Cicer arietinum o Cece 
Moong Dal Vigna radiata o fagiolo mungo verde
Toor Dal Cajanus Cajan o Caiano della famiglia delle Fabacee
Urid Dal Vigna mungo o fagiolo mungo nero
Masoor Dal Lenticchie rosse 
Lobia (Lobiya o Lobhia) Dal Vigna unguiculata fagioli occhio nero

Ovviamente l’elenco non si esaurisce qui, esistono poi i piselli ed altre tipologie di fagioli ma sono più facilmente identificabili perchè chiamati con il loro nome!

Il Mung o Moong Dal è un supercibo, utilizzato per pacificare tutti i dosha e come alimento post Panchakarma, nella classica ricetta Kitchari, in questo video potreste scoprire le qualità del Mung Dal, facilissimo e veloce da cucinare come in questa ricetta:

Ingredienti:

½ tazza di Moong dhal ; ½ c. di semi di senape

½ c. semi di cumino in polvere; ½ c. di curcuma
coriandolo fresco; 1 pomodoro tritato
un paio di foglie di curry; 1 c. di Ghee

Cuocere a pressione il Moong dhal con la curcuma fino al primo fischio; schiacciare leggermente, aggiungere una tazza di acqua e tenere da parte. Scaldare l’olio in una padella ed aggiungere i semi di mostarda (senape), quando iniziano a scoppiettare aggiungere il cumino e le foglie di curry. Far cuocere per qualche secondo a fuoco medio ed aggiungere i pomodori, soffriggere per alcuni minuti. Aggiungere il dhal e lasciar bollire finché non si addensa. Guarnire con foglie di coriandolo. Servire caldo con chapati.

Natale solidale con l’Associazione “I Bambini Dharma”

E’ partita la frenetica corsa ai regali di Natale, se ancora non avete deciso e se volete fare qualcosa che sia tre volte speciale, per voi che lo fate, per chi lo riceve, ma soprattutto, per chi usufruirà davvero di questo dono allora fate come me che anche quest’anno sosterrò l’Associazione “I Bambini Dharma”. L’abbandono, in tutte le sue forme, è una cicatrice che rimane sempre aperta e che condizionerà per tutta la vita i rapporti con gli altri, che siano amici, gentiori adottivi o compagni di vita. Rimane nel profondo la paura di essere lasciati di nuovo, l’incapacità di fidarsi e quella sensazione di mancanza di appartenenza, di radici. Donare il proprio tempo, il tocco, il contatto e l’abbraccio a questi bambini è più prezioso di qualsiasi oggetto possiate scegliere per questo scelgo di sostenere chi lo fa.

https://www.facebook.com/ibambinidharma/

Una Rosa per Sadhaka Pitta

I testi ayurvedici descrivono il cuore come Hrdaya, una parola sanscrita che è formata da tre parti – ognuna con il suo significato: Hr significa ricevere, Da, dare e Ya muoversi. Le qualità essenziali del cuore sono contenute in questo nome Sanscrito.

Nella visione ayurvedica, la mancanza di capacità di elaborare emozioni in modo tempestivo è la causa principale degli squilibri emotivi. La mancanza di discriminazione e discernimento, è collegata al Cuore o meglio ad un upadosha di Pitta… Sadhaka “ciò che realizza”!

hridaye chetana sthanam – “La sede della coscienza è nel cuore”

Sadhaka (upadosha di Pitta) e la Rosa


Alcuni di noi sono capaci di elaborare velocemente un’emozione, lasciare andare e proseguire con la propria vita. Per altri questa digestione emotiva è più lenta e difficile, esistono Agni (fuochi digestivi) associati ai dosha ed ai relativi upadosha, ovviamente quello correlato a Sadhaka è Sadhaka Agni. Un individuo con un disequilibrio in Sadhaka Agni terrà con se a lungo il ricordo di una situazione negativa poichè incapace di digerirla e metabolizzarla.

Riequilibrare Sadhaka significa, tra le altre cose, diventare persone in grado di reagire alle situazioni con l’obiettività che le stesse sono ormai accadute, che fanno parte del passato, che devono essere processate e digerite come un buon cibo, cosi, assieme ad una buona digestione, non potranno che creare un buon tessuto.

Le cause di questo squilibrio possono essere molteplici, il consumo di cibi sbagliati, la digestione debole, l’accumulo di Ama, vivere in un ambiente emotivamente negativo o circondati da persone che non si sopportano.

I sintomi? Difficoltà a prendere una decisione importante o impiegare molto tempo solo per prendere decisioni semplici, questo può essere il segno di un Sadhaka Agni basso. In questa situazione, se c’è Ama ostruirà e bloccherà i canali di micro-comunicazione del corpo.

Quando Sadhaka Agni è basso, la tua capacità di giudicare qualsiasi cosa può essere compromessa. L’incapacità di sedersi tranquillamente senza sentirsi estremamente inquieti è un altro sintomo, cosi come la mancanza di perseveranza o la difficoltà a mantenere gli impegni o svolgere le proprie attività quotidiane, che impediscono di conseguenza di raggiungere i propri obiettivi.

Se Sadhaka Agni non è in equillibrio nel tempo viene a mancare il coordinamento tra dhi (acquisizione e apprendimento) , dhriti (conservazione delle informazioni) e smriti (richiamo o memoria a lungo termine) questa mancanza di coordinamento tra cuore e mente che può portare la persona a perdere il controllo delle proprie emozioni, pensieri e azioni.

Anche in questo caso l’importanza di seguire una routine quotidiana, includendo Meditazione e Yoga, l’esposizione alla luce del sole quanto più spesso possibile, dedicarsi del tempo ogni mattina per praticarsi l’Abhyanga (migliora la circolazione, consente di eliminare le tossine dai tessuti, rinvigorisce il corpo, calma la mente e placa le emozioni. Il senso del tatto è intimamente connesso alle emozioni, massaggiarsi significa bilanciare Vata e quindi ansia e stress).

Nei preparati ayurvedici che tradizionalmente agiscono su Sadhaka è contenuta la rosa, allegoricamente non a caso il fiore del romanticismo, quello che più di ogni altro è associato al cuore. La rosa centifolia, shatapatri, letteralmente lenisce il cuore e le emozioni ma anche la mente. Migliora il coordinamento tra Sadhaka Pitta e Prana Vata (il subdosha di Vata che governa il cervello, la testa, il petto, la respirazione, la percezione sensoriale e la mente).

La rosa è rinfrescante, ma migliora Agni, il fuoco digestivo. Questa è una qualità unica che lo rende bilanciante per tutti e tre i doshas. Infine, la scienza moderna ha recentemente confermato che la fragranza della rosa, rispetto ad altri oli essenziali, accelera il ripristino della barriera cutanea, inibisce la crescita della Candida albicans e riduce la vitalità dello Staphylococcus aureus meticillina resistente (Biol Pharm Bull. 2017).

yogaś citta vṛtti nirodhaḥ” “lo yoga quieta (nirodha) i vortici (vṛtti) della mente (citta)”.

Corso di Mukhabhyanga e Ubtan e corso Pinda Sveda

Che cosa è Ubtan?
Si ritiene che l’Ubtan sia stato il primo cosmetico mai esistito, Ubatn significa fondamentalmente “un misto di diverse polveri che puliscono la pelle” è un’antica miscela di bellezza ayurvedica usata dalle future spose per ottenere una pelle sana e splendente. La maschera di Ubtan stimola il flusso linfatico ed è un ottimo esfoliante, aiuta ad eliminare le tossine dal corpo portando la pelle a mostrare un colorito sano.

Ubtan è uno scrub ayurvedico che non solo migliora la bellezza del viso ma possiede anche valori medicinali definiti in virtù delle proprietà antifungine, antibatteriche, antitraspiranti e rassodanti delle diverse polveri utilizzate, che aiutano a tener lontane le infezioni della pelle. E’ dunque al contempo, un trattamento detergente, astringente, stimolante e tonico, il suo uso regolare previene l’insorgere di rughe premature e aiuta a stringere i pori aperti.

Il corso è diviso in una parte teorica nella quale verranno spiegate le differenti tipologie di pelle secondo l’Ayurveda, gli oli e le erbe più idonee per ciascun dosha, ed una parte pratica durante la quale apprenderete la tecnica del massaggio con olio sul viso (Mukhabhyanga) e la preparazione ed applicazione degli Ubtan.

Si rilascia attestato di partecipazione con monte ore

Durata: 6 ore circa

Il costo del corso include dispensa, materiale a disposizione

Per info e prenotazioni: info@rigveda.it –  tel. 347 7555011

Prossimo corso in programmazione: 19/09/2017

Churna Pinda Sveda

Churna Pinda Sveda o Podi Kizhi è uno dei trattamenti più conosciuti, oltre all’abhyanga ed allo shirodara, in Ayurveda, una forma di fomentazione del corpo mediante l’uso di boli da applicare massaggiando.

Riduce il dolore, la rigidità e il gonfiore associati all’artrite e ad altre condizioni dolorose.

Pacifica Vata, Pitta e Kapha nelle afflizioni articolari, muscolari e nei tessuti molli Causa sudorazione e porta leggerezza. Forma un’efficace combinazione con trattamenti locali come Kati Vasti, Greeva Vasti, Abhyanga ne fortifica i risultati.

In combinazione con Nitya Virechana e Vasti, Churna Pinda Sweda elimina le tossine del corpo, stabilisce la salute e tonifica le articolazioni e i tessuti molli. Migliora i movimenti delle articolazioni. Rimuove la ritenzione idrica nei tessuti. Aiuta i nervi e migliora la circolazione del sangue.

Il corso si prefigge l’obiettivo di insegnare l’uso dei Pinda, le manovre, le indicazioni, la preparazione, le ricette ed i trattamenti che possono precedere.

Si rilascia attestato di partecipazione con monte ore

Durata: 8 ore circa

Il costo del corso include dispensa, materiale a disposizione

Per info e prenotazioni: info@rigveda.it –  tel. 347 7555011

Prossimo corso in programmazione: da definire

Trattamenti tradizionali: lo Shirodara

Ho scoperto, cercando su internet, dell’esistenza di un festival/ cerimonia religiosa, di immensa grandezza…..si svolge in un piccolo paese del Sud dell’India, Shravanabelagola, una volta ogni 12 anni. E’ la cerimonia di venerazione di una statua monolitica di circa 17 metri raffigurante “Bahubali”. Questa cerimonia è conosciuta con il nome di Mahamastaka Abhisheka, il significato è quello di una colata sacra e rituale di liquido benedetto sulla testa di Bahubali.
E’ una ricorrenza molto popolare in India e migliaia di persone, da ogni parte del mondo, vengono per assistere a questo evento. Per due settimane la statua viene unta e bagnata continuamente con libagioni come latte, olio, ghee, acqua, acqua di cocco, decotti di erbe, paste a base di erbe, pasta di sandalo, zafferano, curcuma, fiori, etc. tutti posti sul capo della statua, uno dopo l’altro.
Per i successivi 12 anni la statua resta li e con orgoglio accoglie tutte gli eventi climatici. Il punto è che questa statua nei suoi 1000 anni non ha subito danni o crepe.
Ebbene questa storia ha un particolare legame con un trattamento ayurvedico chiamato Shirodhara (Shiro Dhara). Shiro significa testa mentre Dhara vuol dire flusso. Dunque un trattamento nel quale sostanze grasse medicate vengono versate sulla testa del ricevente per un determinato periodo di tempo e per un determinato numero di incontri.
La logica è che se una statua di pietra resta in piedi, esposta agli agenti atmosferici senza venirne colpito, increspato e avvizzito per 12 lunghi anni, solo dopo un giorno di unzione, quale potrebbe essere l’effetto di questa colata di liquidi medicati sul capo di una persona? Di sicuro benessere, rilassatezza e quiete mentale.

Nella Charaka Samhita, capitolo 5, leggiamo i versi 80/84
Colui che applica olio di sesamo sulla sua testa regolarmente non soffre di mal di testa, calvizie e incanutimento, ne di caduta dei capelli. E specialmente la forza della sua testa sarà migliorata; i suoi capelli divengono neri, lunghi e radicati; i suoi organi di senso lavorano in modo appropriato; la pelle del suo viso diventa luminosa; applicare olio di sesamo sulla testa produce un buon sonno e felicità. [81-83] I disturbi delle orecchie dovuti ad un vizio di Vata, torcicollo, debolezza d’udito e sordità vengono prevenuti se l’olio viene regolarmente instillato nelle orecchie. [84]
(fonte internet) #Ayurveda #ShiroDhara

Continuando la navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Più informazioni...

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione . Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto " di seguito , allora si acconsente a questo.

Chiudi