RIGVEDA

Eat right for your dosha type: i legumi!

Scusate questa incursione da Accademia della Crusca in versione indoculinaria ma girando in rete per cercare una ricetta per cucinare l’Urad Dal e mi sono imbattuta in una discreta confusione circa i legumi indiani e quindi vorrei dedicare due righe alla spiegazione di base di alcune tipologie. 

Anzitutto la parola Dal (Dhal o Daal), significa diviso/spezzato ed indica il metodo di lavorazione ovvero tutti i legumi vengono spezzati e privati o meno della pellicola esterna. Aggiungo, prima di passare ad un mini elenco riassuntivo, che, contrariamente a quanto molti pensano o scrivono: il Moong (o Mung) non è una lenticchia!!

Channa Dal Cicer arietinum o Cece 
Moong Dal Vigna radiata o fagiolo mungo verde
Toor Dal Cajanus Cajan o Caiano della famiglia delle Fabacee
Urid Dal Vigna mungo o fagiolo mungo nero
Masoor Dal Lenticchie rosse 
Lobia (Lobiya o Lobhia) Dal Vigna unguiculata fagioli occhio nero

Ovviamente l’elenco non si esaurisce qui, esistono poi i piselli ed altre tipologie di fagioli ma sono più facilmente identificabili perchè chiamati con il loro nome!

Il Mung o Moong Dal è un supercibo, utilizzato per pacificare tutti i dosha e come alimento post Panchakarma, nella classica ricetta Kitchari, in questo video potreste scoprire le qualità del Mung Dal, facilissimo e veloce da cucinare come in questa ricetta:

Ingredienti:

½ tazza di Moong dhal ; ½ c. di semi di senape

½ c. semi di cumino in polvere; ½ c. di curcuma
coriandolo fresco; 1 pomodoro tritato
un paio di foglie di curry; 1 c. di Ghee

Cuocere a pressione il Moong dhal con la curcuma fino al primo fischio; schiacciare leggermente, aggiungere una tazza di acqua e tenere da parte. Scaldare l’olio in una padella ed aggiungere i semi di mostarda (senape), quando iniziano a scoppiettare aggiungere il cumino e le foglie di curry. Far cuocere per qualche secondo a fuoco medio ed aggiungere i pomodori, soffriggere per alcuni minuti. Aggiungere il dhal e lasciar bollire finché non si addensa. Guarnire con foglie di coriandolo. Servire caldo con chapati.

Tagged on:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Continuando la navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Più informazioni...

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione . Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto " di seguito , allora si acconsente a questo.

Chiudi